A Milano il freddo morde, ma il Dream Team morde di più: 5-2 agli Sharks B

I gialloneri conquistano matematicamente il primo posto nel girone e con esso i play-off Promozione

Bareggio (Milano) – Morde il freddo a Milano, sferzata dal gelido vento siberiano Burian. Il Dream Team cerca a sua volta di mordere, nello specifico gli avversari di giornata, che essendo “squali” vorrebbero anch’essi azzannare la squadra che guida il Girone C del Campionato di A2 dell’italico wheelchair hockey. Ma nella sfida giocata domenica 25 febbraio 2018 a Bareggio nella palestra della scuola Rodari, sarà il Dream Team a prevalere, imponendosi per 5-2.

I biancorossi brianzoli dopo aver patito all’andata la sconfitta tra le mura amiche, sono venuti nel capoluogo lombardo decisamente più agguerriti: perché, anche se si tratta degli Sharks Monza B, rappresentano una società all’avanguardia in questo sport da diversi anni.

Ma se Monza riuscirà a proporsi in campo con una difesa più organizzata, Milano risponderà mettendo massima attenzione fin dalle fasi iniziali di gioco, evitando di andare sotto dopo pochi minuti come accaduto nella sfida precedente. In campo in partenza per il Dream Team: Sportelli, Lione mazza difensiva e gli stick Bruno e Baidi a supporto ai 2 lati di La Cara, mazza d’attacco. Sharks inizialmente con 3 mazze (Zorloni-Alletto-Cernuschi) e lo stick tuttofare Clamer.

Il primo quarto vedrà il Dream Team andare 2 volte a segno con La Cara e condurre con buona sicurezza il gioco. Nel secondo quarto emergeranno invece alcune sfasature degli stick Baidi e Bruno che nella loro azione di pressing finiranno spesso per ritrovarsi dalla stessa parte, lasciando scoperto il fianco opposto del prprio schieramento. Zorloni, complice un’azione un po’ sospetta, ne approfitta per accorciare le distanze: è 2-1 Dream Team all’intervallo lungo.

In questa fase del match emergono in difesa Lione e Sportelli, il primo per il senso della posizione, il secondo con diversi pregevoli interventi. I tecnici milanesi R. Sportelli e Rutigliano, per ripristinare ordine e permettere di rifiatare a Bruno, reduce da un’ostinata influenza, inseriscono Masini. Successivamente sarà lo stesso Bruno a concedere minuti di riposo a Baidi, rilevandolo. Le cose migliorano per i gialloneri e La Cara riesce a siglare la rete del 3-1, dopo un bel giroporta.

Gli “squaletti”, come sono soprannominati a Monza gli Sharks B per distinguerli dalla squadra di A1, sparano le loro ultime munizioni accorciando di nuovo le distanze con un tiro dall’estrema sinistra di Cernuschi, che trova la sfortunata sponda dello stick di Sportelli. Ma dal 3-2 si passa rapidamente al 4-2 con il solito La Cara, che chiuderà i giochi siglando anche il 5° gol, nonostante la strenua opposizione negli ultimi 2 quarti della giovane portiera biancorossa, autrice di notevoli parate.

Nell’ultimo quarto hanno modo di mettersi in luce anche Improta e Luca Ive che tra i pali mostrerà efficaci parate e apprezzabili miglioramenti. A disposizione restano Orbai, Fumagalli ed El Sheik, con rammarico dei loro tecnici, che finora erano sempre riusciti a dare spazio a tutti gli effettivi nelle precedenti partite.

Si finisce con la squadra giallonera chiamata a gran voce sotto la tribuna dai propri tifosi, per celebrare insieme l’acquisizione del matematico accesso ai play-off Promozione di Lignano Sabbiadoro.

Riccardo Rutigliano

 

0 thoughts on “A Milano il freddo morde, ma il Dream Team morde di più: 5-2 agli Sharks B”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seleziona Lingua >